Sentirsi belli sentirsi brutti

Annalisa Busato – Sentirsi belli sentirsi brutti.
pp. 33, illustrato, ebook € 4,99

Il libro offre alcune indicazioni concrete per attività da svolgere in classe, efficaci e facili da organizzare, finalizzate a dare valore alla specificità e all’unicità di ciascuno/a e ad incoraggiare le ragazze e i ragazzi a confrontarsi sui loro vissuti in modo da ridimensionare il senso di inadeguatezza e la sofferenza che troppo spesso accompagnano questo momento delicato della crescita. Offre una serie di proposte che contribuiscono a sostenere l’identità, aumentare l’autostima, ed evitare l’adeguamento a modelli stereotipati, favorendo l’instaurarsi di relazioni positive nel gruppo.

Sentirsi belli sentirsi brutti preview

Guarda la presentazione di Nerina Vretenar e dell’autrice Annalisa Busato

Paul Le Bohec Il testo libero di matematica

Un modo creativo di insegnare/imparare la matematica.
Premessa di Donatella Merlo.
pp. 178, illustrato, ebook € 7,99 (disponibile qui https://store.streetlib.com/it/search?q=paul%20le%20bohec&sort=_score&product=5ecfa90a981f743e2695e7e3 e, a breve, in tutti gli store)

La matematica non é vista come un sapere cui ci si può solo adeguare, ma è considerata nella sua funzione educativa, come contributo alla formazione del pensiero.

A fianco di un itinerario didattico, rigidamente seguito da generazioni, potrebbe configurarsi, svolgersi, affermarsi un percorso euristico che corrisponda meglio alla natura dei bambini’ (P. Le Bohec)

Nel testo viene proposto il metodo naturale il cui punto di partenza e le invarianti sono la messa in gioco di tutto l’essere umano, la globalità della persona, il rispetto della cultura del bambino, l’ascolto,  la valorizzazione della creatività, le relazioni nel gruppo, un’impostazione coerente del rapporto fra i soggetti, con le loro esigenze di apprendimento e l’organizzazione didattica, in cui le prime costituiscono le condizioni della seconda e non  viceversa.

L’avvio delle sedute di matematica: ‘all’inizio io mi preoccupo molto poco di questa disciplina, io ho cura soprattutto di sottolineare il comportamento dell’essere umano nell’apprendimento.’

Le creazioni: di che natura sono? quale può esserne la fonte? All’inizio, ‘il desiderio di esprimersi profondamente e di impadronirsi di tutte le possibilità offerte da questo linguaggio.[….] Dalla matematica si può sfociare nella poesia, nella psicologia, nella coreografia, nella politica e in mille cose ancora. E reciprocamente.’

I fenomeni di gruppo: ‘fa parte del nostro lavoro scoprire ciò che avviene in classe: chi parla con il vicino, chi protesta perché vede preferita la soluzione di un altro, chi si serve di un altro per esprimere una propria idea, chi cerca un alibi o un pretesto, chi si allea. ‘Dall’osservazione dei diversi comportamenti emergono indicazioni fondamentali per l’insegnante’. ‘Il gruppo gioca un ruolo considerevole. Anzitutto può essere un luogo di parola, un luogo di accoglienza, un luogo dove esprimere liberamente delle ipotesi, senza temere giudizi svalorizzanti.’

La complessità: ‘la mente umana di fronte al caos che dà incertezza tenta di trovare delle strutture che le permettano di dominarlo almeno in parte […] Una classe è un complesso di individui complessi. Essi sono talvolta così differenti che sembra impossibile farli lavorare insieme. l’insegnante deve prendere in carico la complessità delle situazioni e delle persone.

D’altra parte, segnala Le Bohec, è Freinet che ci ha immesso nella complessità, avviato al superamento delle eccessive semplificazioni. E troviamo conferme nelle teorie di Popper e di Bachelard.

Il metodo naturale di apprendimento si basa su sei elementi:

-la pratica personale

-i fenomeni di gruppo

-i punti di riferimento personali e collettivi nelle costruzioni matematiche

-le specificità fisiologiche di ciascuno

-le particolarità psicologiche

-le circostanze, le varianti

E poi: molta matematica; la matematica intuitiva, la matematizzazione delle situazioni, il gioco matematico, il tentativo sperimentale, l’attribuzione di significato alle creazioni, la simbolizzazione, la pratica personale elemento indispensabile nella formazione docente,…

Le Bohec ci affida un interrogativo: ‘quale avvenire per questa idea di metodo naturale? Sta, dice lui, ai maestri ‘praticiens’ cercare, esplorare, sperimentare.